per informazioni o prenotazioni
011 958 00 00
Medicina Interna
Salus Project / Servizi / Specialistica / Medicina Interna
Medicina Interna

dott. Massimo Ventura
Ambulatorio Osteoporosi 


scarica il documento


Visita ambulatoriale per l'osteoporosi
 
L'osteoporosi fa parte della cosiddette malattie di genere in quanto colpisce prevalentemente le donne dopo i 50 anni, soprattutto in menopausa quando viene meno la protezione degli ormoni estrogeni: le ossa perdono calcio e sali minerali e l’attività distruttiva dell’osso prevale su quella ricostruttiva.
L’ambulatorio per l’osteoporosi propone una strategia terapeutica finalizzata alla riduzione dell’osteoporosi e delle rifratture. L’osteoporosi è una malattia del Metabolismo osseo cronica e degenerativa che intacca la densità minerale dell’osso, con un conseguente aumento della sua fragilità e suscettibilità alle fratture. In condizioni normali, la resistenza e la compattezza delle ossa sono date dal contenuto in minerali (come calcio e fosforo). Quando questo diminuisce a seguito di processi fisiologici (invecchiamento e menopausa) o patologici, le ossa perdono di resistenza e compare l’osteoporosi, considerata una malattia tipica dell’invecchiamento sebbene le forme secondarie possano insorgere nei soggetti giovani con squilibri ormonali. Colpisce maggiormente le donne in menopausa, ed è una malattia asintomatica e spesso passa inosservata fin quando non si verifica una frattura da fragilità ossea, solitamente a livello delle anche (femore prossimale), delle vertebre o dei polsi (radio distale). I fattori di rischio dell’osteoporosi sono la menopausa precoce, la comparsa tardiva del primo ciclo mestruale, periodi prolungati di nutrizione inadeguata con assenza delle mestruazioni (anoressia), l’età e sesso, abuso di alcolici, consumo di sigarette, trattamenti prolungati con farmaci (diuretici, cortisonici, ormoni tiroidei, lassativi, antiacidi contenenti sali di alluminio), periodi lunghi senza movimento (spesso legati a ricoveri ospedalieri), menopausa chirurgica in età fertile.
Prevenzione, cosa si può fare:
Età giovanile - Per prevenire l’osteoporosi, è importante controllare l’apporto alimentare di calcio durante tutta l’età evolutiva, praticare regolarmente attività fisica all’aria aperta sin dall’infanzia evitando la sedentarietà in modo di aumentare il patrimonio osseo che è in crescita sino all’età di 26-29 anni. L’esposizione moderata al sole (circa mezz'ora al giorno, con esposizione di braccia e viso) è sufficiente per garantire un adeguato apporto di vitamina D, per lo meno sino all’età adulta.
Età senile - Dopo la menopausa e nell’anziano praticare attività fisica serve ad agire sulla massa ossea, con un rallentamento della perdita ossea, e a migliorare il trofismo muscolare con una conseguente riduzione delle cadute e delle fratture in caso di fragilità ossea. È necessario tenere sotto controllo il peso corporeo con una dieta adeguata evitando sia il sovrappeso sia la magrezza eccessiva. Va garantita un’adeguata assunzione alimentare di vitamina D e naturalmente va eliminato il fumo e gli alcolici.
L’ esposizione moderata al sole (circa mezz'ora al giorno, con esposizione di braccia e viso) non è sufficiente per garantire un adeguato apporto di vitamina D ed quindi quasi sempre necessaria una somministrazione aggiuntiva.
 
La Gallery

Seguici

Copyright © 2018, SALUS PROJECT  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 09692960017
Via Trieste, 16 Rivoli - Torino  -  E-mail: info@salusproject.it  -  Admin
Termini e Condizioni della Privacy  -  Utilizzo dei Cookies